sole

10 Aprile 2010

Era il 10 Aprile 2010, era un sabato, e io l’ho passato in ospedale a tenere la mano a mia sorella che me la stritolava ad ogni contrazione. Ho passato quel giorno a prendermela con le infermiere perchè mia sorella stava male e nessuno faceva niente e loro che scuotevano la testa e dicevano “Non sono i dolori giusti!”  Io, ignorante in materia, non sapevo quali erano “i dolori giusti”.

A sera inoltrata, io e i miei genitori, ci siamo seduti in sala d’attesa ed abbiamo aspettato… per buona parte della notte… sgranocchiando i panini della macchinetta… ma è stata l’attesa più bella! 

- Segue -

Approfondisci

pese

PESCE D’APRILE E… TANTI AUGURI MAMMA!

Oggi è il 1° Aprile… è tantissimo che non scrivo sul blog… altri tremiladuecento impegni mi hanno trattenuta, ma eccomi qui… in questo giorno in cui si “festeggia” il pesce d’aprile… Da piccola era quasi un incubo andare a scuola, ti appendevano pesci di carta alla schiena e poi ti prendevano in giro, bisognava camminare rasente ai muri! Quando poi sono andata alle medie e alle superiori e dovevo prendere i mezzi era una rovina! Non eri tranquilla mai, nemmeno durante la lezione! Ora è diverso… siamo grandi… lavoriamo… e in ufficio non ci sono pesci appesi alle spalle della gente… e nemmeno in treno lo fanno… siamo tutte cresciute per questi giochetti… Però oggi, come tutti gli anni, è il compleanno della mia mamma! Lei è l’esempio femminile che per primo ho avuto, mi ha insegnato tanto, praticamente tutto… mi ha sgridato, mi ha lodato, mi ha schiaffeggiato, mi ha rincorso per casa, mi ha visto ridere, mi ha visto piangere, e lei era sempre lì, accanto a me… come ogni brava mamma fa per i figli, ma lei è la mia di mamma, e per me è speciale e io le voglio bene, e oggi lo scrivo anche qui! Perchè io sono la figlia che non dice… la figlia che non esprime i sentimenti, quella che dice raramente “ti voglio bene”, quella che telefona poco, quella che sta giorni interni senza farsi sentire, quella che sembra sempre con la testa tra le nuvole, ma sono pronta sempre per la mia famiglia e per la mia mamma, esattamente come mia sorella (anche se lei telefona di più) … E quindi oggi lo dico qui, lo urlo, lo scrivo: tanti auguri mamma di cuore!

Approfondisci